Ganesha 1_edited
Ganesha 1_edited

press to zoom
Elefante 1
Elefante 1

press to zoom
Buddha su Elefante Bianco.jpg
Buddha su Elefante Bianco.jpg

press to zoom
Ganesha 1_edited
Ganesha 1_edited

press to zoom
1/7
                                       

Elefante Bianco.

 

Fin dall'antichità, gli elefanti bianchi furono considerati sacri in diversi Paesi Asiatici.

Il sacro Elefante Bianco Airavata

accompagnava in battaglia Indra,

il sovrano dei Deva, che lo nominò

Re degli elefanti;

 

La madre di Gautama Buddha, la regina Maya, sognò che un sacro elefante bianco le fosse penetrato nel corpo senza provocarle dolore e senza impurità e quella notte concepì un essere puro e potente;

 

Ganesha, la Divinità Elefante, rappresenta

il perfetto equilibrio tra energia maschile

e femminile, ovvero tra forza e bellezza;

 

A volte è chiamato anche Vighnesvara

"Signore degli ostacoli" o anche Vinayaka,

"colui che rimuove" il Distruttore degli ostacoli, la Forza che apre strade dove ancora non ce ne sono, spazzando ogni ostacolo di ordine materiale o spirituale;

 

Lord Ganesha è il "Signore del buon auspicio" e dona prosperità e fortuna.

Se ne invoca la grazia prima di iniziare

ogni attività, come ad esempio un viaggio, un esame, un colloquio di lavoro, una cerimonia, un affare o un qualsiasi evento importante. Per questo motivo è tradizione che i canti devozionali comincino con una invocazione a Lord Ganesha, detto anche "Signore del buon inizio";

 

Che sia di buon augurio anche per

le attività delle nostre Officine Olistiche